Fegato: drenaggio ed emotivo

Il fegato è un emuntore primario del nostro corpo (assieme a reni ed intestino) ed è un organo importantissimo con molteplici funzioni. Relativamente al sistema digerente, si comporta come un grande filtro che preleva le sostanze assorbite dall’intestino per modificarle e consegnarle ad altri organi, ma non solo: è preposto anche al metabolismo e all’inattivazione delle sostanze tossiche ed estranee all’organismo. Se il fegato ha troppo lavoro da fare (eccesso di tossine) oppure è in deficit, non riesce a gestire bene le tossine con conseguente accumulo e possibile sensibilizzazione alle stesse.
Per questo motivo diviene indispensabile provvedere al suo drenaggio più volte all’anno e sicuramente in contemporanea dei trattamenti di pulizia e riequilibrio intestinale.

DRENAGGIO

Come drenaggio posso consigliare il Cardo mariano, il Tarassaco o il Carciogfo come estratto secco o come tintura madre; anche la Curcuma longa è perfetta allo scopo, ma per essere efficace consiglio la Meriva oppure deve essere stata fitosomata (quella con la piperina và altrettanto bene, ma interferisce con alcune funzini del fegato). Personalmente trovo molto valido Epadx della Avd: si assumono 2 cps alla sera prima di dormire (iniziare con un 1 cps per alcune sere per evitare un elimino troppo veloce di tossine), per 2-3 mesi. Poi lo si sostituisce con Epativo (se la persona è tendenzialmente nervosa, tesa), oppure Epaphit (se è più calma) oppure Emundren (se ha bisogno di aiutare anche i reni): tutti e 3 sono della Avd, sono preparati in acqua energizzata, sena alcol, e molto efficaci. Le indicazioni per prenderli sono 30 ml in un litro di acqua (o mezzo litro) da bere durante il giorno lontano dai pasti, per 2-3 mesi. Una volta concluso questo ciclo, se necessario, ripetere Epadx per 2-3 mesi.

FLORITERAPIA

Il fegato è strettamente legato, in caso di disequilibrio, alla rabbia e alla collera, che con il tempo può divenire rancore. Ovviamente è molto riduttivo consigliare dei fiori solo per la rabbia, ma almeno sapete quali sono per poi eventualmente affiancarli con altri che possono esservi utili.
La quantità consigliata è 4 gocce per 4 volte al giorno sotto la lingua per i fiori di Bach mentre 7 gocce mattina e 7 alla sera sotto la lingua per i Bush Flower.
Bush sta per fiori austaliani o Bush Flower, e Bach per i fiori di Bach.

BEECH Bach: Il tipo Beech è altezzoso ed intollerante sempre pronto ad ergersi a giudice. Spesso si tratta di una persona dall’atteggiamento arrogante ed ipercritico di tutto ciò che lo circonda di cui lui vede solo il lato peggiore. Beech è quasi sempre solo, chiuso in se stesso, con un atteggiamento di difesa, esige dagli altri precisione ordine e disciplina, si lamenta in continuazione, si arrabbia per un niente, litigioso, prepotente, incolpa gli altri, critica in modo petulante, manifesta spesso un’ira sproporzionata alla causa, l’atteggiamento è in genere scontento e musone.
CHERRY PLUM Bach: Cherry Plum è il rimedio di chi non riesce a fermare il lavorio continuo della propria mente; i pensieri gli si affollano in testa irrefrenabili fino a fargli temere di perdere la ragione. E’ anche il fiore per chi soffre di improvvisi scatti di ira, di esaurimento nervoso, paura della follia, disperazione, depressione, paura di compiere atti terribili e spaventosi. Spesso queste persone appaiono esageratamente pignole e meticolose per cercare di avere fuori quel controllo che non riescono ad avere dentro di sè.
DAGGER HAKEA Bush: Per le persone ‘pungenti’, anche nelle parole, e per chi trattiene rancore anche dopo molto tempo. Aiuta ad elaborare e risolvere risentimento e amarezza. Favorisce l’espressione piena ed equilibrata dei sentimenti, e il perdono e la tolleranza.
HOLLY Bach: La persona che ha bisogno di questo rimedio è tormentata dai propri sentimenti negativi come: gelosia, odio, invidia, desiderio di vendetta, gioia per i dolori altrui. La gelosia è una disperata paura di perdere l’altro, l’invidia è un chiaro senso d’inferiorità e il sospetto è indice di profonda insicurezza. Le persone che necessitano di Holly si sentono escluse dall’amore e lo rifiutano, manifestando in modo evidente o inconscio sentimenti opposti all’amore, ma altrettanto forti e potenti.
MOUNTAIN DEVIL Bush: Per persone accecate dall’odio, dalla rabbia e dalla gelosia, per chi porta rancore ed è sospettoso; adatto in situazioni in cui c’è mancanza d’amore e rispetto, e sono presenti risentimento, odio, invidia, sospetto che bloccano l’espressione dell’amore. In questi casi. Molto indicato nelle situazioni in cui sono presenti rivendicazione e manipolazione.

METAMEDICINA

Il fegato generalmente è legato sia alle emozioni di carenza (solitamente materiale) che a quelle di eccesso (come rabbia ed ingiustizia). Nella Medicina Tradizionale Cinese la collera elimina l’eccesso di energia del Fegato, ma se è troppa lo danneggia: per questo motivo è sempre importante riconoscere la propria rabbia, esprimerla se necessario (come difesa o come tutela del proprio spazio), per poi risolverla o ridimensionarla, con l’aiuto della Metamedicina, della floriterapia o di altre tecniche. Non andrebbe mai “gestita”, in quanto non viene assolultamente risolta e tende poi a sfogare la sua energia su altri organi o apparati (tutte le infiammazioni nascono dalla rabbia, il colesterolo ha una base di rabbia, gi arrossamenti e i bruciori lo stesso).

Aggiornato in data 14/05/2019

Precedente Maschile e Femminile - Claudia Rainville Successivo Colite: naturopatia e Metamedicina

19 commenti su “Fegato: drenaggio ed emotivo

  1. Mattia il said:

    Gentile Susanna,
    mi domandavo se questi trattamenti e prodotti fossero adatti anche a chi come me soffre della Sindrome di Gilbert (iperbilirubinemia) e se si potesse associare qualche vitamina. Ne approfitto poi per ringraziarla degli articoli di questo sito, veramente interessanti e chiarificatori. Grazie!

    • Gent.mo Mattia, non essendo medico non so dirle se con la Sindrome di Gilbert è possibile fare un drenaggio del fegato senza controindicazioni. Le consiglio di chiedere al suo medico: se esprime parere favorevole può procedere. Emotivamente invece può fare di tutto: dai fiori di Bach alla Metamedicina, e credo le potrebbe essere di enorme giovamento. Grazie inoltre per le sue gentili parole 🙂

  2. Moira il said:

    Buongiorno Susanna, mi hanno diagnosticato delle cisti al fegato e delle macchie che devo approfondire cosa siano. Ultimamente ho notevoli gonfiori di stomaco e sento fastidio al fegato: cosa mi consiglia? Mi spiega anche cos’è la metamedicina?
    Grazie.

    • Gent.ma Moira. Prima di darle dei rimedi che potrebbero aiutarla sarebbe da conoscere l’esatta natura delle macchie, e poi seguire un percorso di pulizia e sostegno personalizzato, sempre in parallelo con il suo medico. Per comprendere la Metamedicina le consiglio di leggere i miei ariticoli che trova su questo sito: ne trova moltissimi. Buon tutto.

  3. Gentile Susanna, scopro oggi il suo sito e lo trovo davvero utile e interssante.
    Vorrei chiederle un consiglio. Il mio fegato è leggermente steatosico. Vorrei sapere se secondo lei può essere utile il drenaggio da lei indicato con 2 compresse di Epsdx alla sera. Nel caso, per quanto tempo dovrebbe essere protratto il trattamento? Grazie mille

    • Salve Manuela. Epadx potrebbe andare bene (sempre con consenso medico) ma piuttosto io consiglierei Aloe da bere (ottimo il Juice della Vonderveid, senza alcol o miele) e gli Omega 3 (antinfiammatori): il tutto per almeno 2-3 mesi con intervalli di 10-15 giorni di sosta. Associare il tutto ad un’alimentazione senza alcol, riducendo latte e latticini, carne (preferire il pesce) e carboidrati raffinati (meglio gli integrali ma vari): questo per sempre. Aggiungere anche del movimento. Buon lavoro.

  4. fiorenza il said:

    Buongiorno
    Sono stata operata 7 anni fa al seno per un tumore piuttosto aggressivo. ho fatto chemio e radio. La radio mi ha bruciato completamente la tiroide. Adesso prendo Eutirox 100/75 alternati.
    Ho smesso di fumare dopo l’operazione e sempre dopo l’operazione sono ingrassata di circa 22 kg. ed ho la pancia e stomaco prominente.
    Ho appena terminato il protocollo di pulizia intestinale e vorrei prendere qualcosa per il fegato che è steatosico.
    Cosa mi consiglia? Ho 67 anni oltre l’Eutirox assumo la cardiospirina per due
    ischemie all’occhio avvenute circa dieci anni fa e il Lorezeepan per dormire.
    Grazie e tanti complimenti
    Fiorenza

    • Buongiorno. I rimedi buoni per la steatosi sono Boldo, Cardo mariano, Silimarina, Genziana, Carciofo. Anche l’olio di lino, almeno 2-3 cucchiai al giorno. Potrebbe anche provare Epadx avd (2 cps alla sera, iniziando con 1 per alcuni giorni) per un bel po’ di mesi, ma chieda prima al medico visti i medicinali che assume. Buon tutto.

  5. Gloria il said:

    Gentile dottoressa
    Soffro di dermatiti spaventose . Dagli esami fatti risulta che ho il colesterolo alto e soffro di fegato grasso.
    Ho iniziato la cura di Enterelle 2 cps/die.
    Finita questa proseguirò con il Citogenex al mattini e Bifiselle alla sera.
    Posso aggiungere l’Epahit o devo aspettare la fine della cura?
    Grazie

    • Buongiorno Secondo il mio modesto parere sarebbe da pulire a fondo il fegato, sia a livello fisico che emotivo. Colesterolo è spessissimo legato alla rabbia non espressa, mentre i trigliceridi sono legati per lo più all’alimentazione. Inizi con Avd 1 cps alla sera prima di dormire per 3-5 sere e poi aumenti a 2; per almeno 3-4 mesi con una sosta di una settimana tra una confezione e l’altra. Integri con olio di Lino, 2 cucchiai per 2 volte al giorno (lo tenga in frigo) e con omega 3 (Naturalpoint ad esempio) 2 gellule al giorno. Prenda inoltre per la rabbia (repressa o meno) la sinergia Bush Aggressive (è per gli animali, ma è adatto anche agli umani) 7 gocce mattina e 7 alla sera, e si aspetti un peggioramento (casomai riduca le gocce per 7 giorni poi le aumenti per ritornare fino a 7). Per almeno 5 mesi. E lasci stare per il momento tutti il resto (probiotici). Buon lavoro.

  6. AlGigi il said:

    Buongiorno Susanna, il dosaggio consigliato di Epadx di 2 cps alla sera prima di dormire risponde a quale requisito rispetto a quello consigliato sulla confezione di 2 cps al giorno lontano dai pasti (immagino ogni 12 ore).
    Grazie

  7. Stella il said:

    Buona sera,
    Leggo sempre con tante interesse i suoi articoli.
    Lei avrebbe un altro integratore da consigliare al posto del epadx? Io non lo posso prendere perché la vit.b non è bio-attiva. La ringrazio anticipatamente

    • Salve Stella. Mi trovo bene anche con il Depuderm o con l’Epativo sempre della AVD, che sono oltretutto preparati in acqua energizzata e quindi più efficaci. Buona disintossicazione.

  8. Greta il said:

    Gentile Susanna, ho 29 anni e da circa 6-7 anni dai miei esami del sangue risulta che ho le GAMMA GT alte (168 pochi mesi fa). Tutti gli altri valori sono nella norma. Ho fatto degli approfondimenti con un’epatologa, la quale dopo avermi fatto fare molti altri esami del sangue specifichi e non aver trovato niente, vorrebbe tentare con la biopsia. Io ne sono un pò riluttante e preferisco attendere. Nel frattempo cerco di ridurre latticini (sono intollerante) e glutine dalla mia dieta, anche se a volta con scarsi risultati. Mi puoi consigliare qualcosa? Grazie

    • Salve Greta. Negli studi di Spagyria ho scoperto che il Macerato Glicerico di Carpino è indicato per il problema: andrebbe preso 15 gocce per 3 volte al giorno a digiuno, lontano dai pasti. Ma non credo basti. E’ necessario un bel drenaggio profondo del fegato, con Epadx che è l’unico che lavora su più fasi: almeno 3 mesi. Poi passare ad un drenaggio diverso, più blando, con Epativo AVD ad esempio, e poi ritornare su Epadx. Aggiungerei sicuramente vitamina C, potentissimo spazzino ed anti-radicalico: almeno 2-4 grammi al giorno (C Plus Naturalpoint ad esempio). Penserei anche a fare una pulizia dei parassiti che possono insidiarsi anche nel fegato, ed infine un clistere di caffè a settimana (potentissimo disintossicante epatico, a breve scrivo l’articolo, promesso). Con un occhio di riguardo alla dieta. Ma non è solo questo. Il fegato è legato alla rabbia (soprattutto repressa) ma anche alla carenza, alla mancanza. Il Carpino spagyrico, ad esempio, emotivamente lavora su quanto segue: ritegno, isolamento, nostalgia. Ciò che si trattiene resta e quando resta pesa, ed impedisce il cambiamento. Eccessiva selettività, Indisponibilità. La persona è emotiva ed instabile e dissipa le poche energie rimaste. Quindi, se fossi al posto tuo, lavorerei con i rimedi ma soprattutto ricercando cosa è successo per arrivare a questo punto. Con la Metamedicina si indaga proprio sul motivo, per poi risolverlo. Buon lavoro.

  9. valentina il said:

    Buonasera Susanna, ho già inviato questo messaggio ma non ho capito se l’invio è andato a buon fine, nel caso fosse doppio mi scuso in anticipo.
    Come mi ha consigliato nel post sul ribes Ho letto tutto l’articolo.. estremamente utile.. grazie!
    fegato bloccato a dire dell’osteopata che mi dà vari problemi, vampate di calore specie di notte, capelli secchi e pelle “strani” debolezza dentale, calo della vista specie da vicino ecc
    Ho letto i prodotti che consiglia ma Le volevo chiedere maggiori indicazioni per fare una cura completa con gli estratti e o tinture madri che cita nell’articolo…
    Inoltre in casa da finire(sono a più della metà) ho epakur e lymdiaral gocce che usava mia sorella .. potrebbero essermi utile? Se sì mi può dire modo e tempi???
    La ringrazio infinitamente

    • Gent.ma Valentina, le mie sono indicazioni di massima, generali, con comunque indicazioni anche sulle quantità da prendere. Se però desidera dei consigli personalizzati, può contattarmi per un consulto via Skype (tramite associazione Naturalmente Trieste). Buona vita.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.