Stitichezza neonato e bambino

CONSIGLI GENERALI
E’ certamente importante dare un’occhiata alla dieta del pupo o della mamma se il pupo viene ancora allattato. Cercare di privilegiare gli alimenti ricchi di fibre: quindi via libera a tanta frutta e verdura (sempre rigorosamente di stagione) anche sotto forma di succhi fatti al momento o di centrifugati freschi, che sono meglio di quelli già pronti. Cercare di usare tutti i cereali (non solo il grano): orzo, miglio, segale, avena, etc. in forma integrale o semi-integrale, altrimenti potrebbe sviluppare intolleranze al frumento (la celiachia è in aumento, forse perché mangiamo solo e sempre frumento?).

In ogni caso ricordate che il riso potrebbe favorire una situazione di stitichezza.
Abituarlo alla bontà di noci, nocciole e mandorle, anche tritate e mangiate col cucchiaino. Non esagerare con i latticini (magari per un periodo al posto del latte di mucca usare quello di capra, oppure di soia e vedere se la situazione migliora o peggiora). Per i bambini con gruppo sanguineo 0 e A, latte e latticini possono dare problemi intestinali anche di questo tipo. Cercare di limitare la carne a 2-4 volte la settimana, lo stesso con il pesce. Limitare fritti ma anche insaccati.
Fate bere al vostro bimbo tanta acqua per eliminare le tossine, ed evitate in ogni modo alimenti spazzatura (patatine, dolci industriali, caramelle, cioccolata elaborata, ecc).

untitled2

E’ importante anche prendere l’abitudine di iniziare tutti i pranzi e le cene con verdura fresca (di stagione) di vario tipo; questo oltretutto è uno dei migliori modi per attivare gi enzimi, aumentare la massa fecale, mangiare il giusto e fare scorta di minerali e vitamine.

RIMEDI
Uno dei rimedi più semplici e naturali, rimane sempre quello di far bollire 4 prugne secche in 100 ml di acqua per alcuni minuti; poi si schiaccia il tutto, si filtra e si lascia raffreddare. Infine si mette il liquido ottenuto nel biberon oppure lo si fa bere con il bicchiere. Se il bambino è già grandicello potete anche fargliele mangiare con un po’ di miele.
Personalmente ho consigliato molto anche Mucilvit Farmafit (mucillaggini di malva, da 1 a 4 cucchiai al giorno), soprattutto per risolvere otiti improvvise o febbri (che 8 volte su 10 arrivano dall’intestino intasato).

Oppure lattulosio in sciroppo (ultima spiaggia, è un disaccaride sintetico non assorbibile, costituito da galattosio e fruttosio, in Farmacia) 1 cucchiaino al pomeriggio. Per questi ultimi 2 aumentando il dosaggio fino a trovare quello giusto, che equivale a farlo evacuare tutti i giorni e di feci morbide.
Provate anche ad aiutarlo con i massaggi sul pancino: andrebbe fatto giornalmente, con dolcezza, sempre in senso orario per favorire la peristalsi: di seguito trovate alcune idee.
http://www.pianetamamma.it/il-bambino/sviluppo-e-crescita/i-vari-tipi-di-massaggio-infantile.html

ATTENZIONE
L’uso prolungato dei lassativi stimolanti non è comunque raccomandato per risolvere la stitichezza nel bambino, anche perché tendono a dare assuefazione. E’ meglio quindi evitarli, al massimo usare occasionalmente un microclisma.
Sappiate inoltre che il lattulosio, consigliato spesso per risolvere tale problematiche, ha la tendenza a peggiorare le coliche gassose, e comunque non andrebbe somministrato per lunghi periodi.

Precedente Omotossicologia: il sintomo è un allarme Successivo Dizionarietto emotivo con gli oli essenziali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.