Stanchezza primaverile

La primavera, grande attivatrice del fegato, porta con sé tanta voglia di depurarsi, di sfoggiare una nuova pelle e di risvegliarsi al nuovo. Forse, proprio per questo lavoro immane di pulizia che inizia con il bel tempo, esprime anche una grande stanchezza.
Vediamo allora come prevenire, arginare e capire tale inconveniente:

DI BASE: occorre drenare e sostenere il fegato e gli organi annessi. Quindi via libera ad estratti fluidi o a tisane di Carciofo, Tarassaco cardo Mariano (50 gocce del composto x 3 volte al dì oppure 3 tazze di tisana al giorno a digiuno). Vedi anche l’articolo sulla depurazione primaverile.
AGOPUNTURA: è un aiuto molto efficace, l’essenziale è cercare di essere costanti (almeno un mese).

ALIMENTAZIONE: provate a ridurre/eliminare per un mese: latte vaccino, latticini, alcol, aceto, salse, intingoli vari, alimenti industriali, zucchero, carne rossa, insaccati. Se riuscite a farlo, noterete ben presto la differenza e la noteranno anche gli altri. “Ma cosa mangio se tolgo tutto?” Al posto dello zucchero c’è il malto/sciroppo di riso, al posto del latte vaccino il latte di avena o di farro, entrambi apprezzabili, al posto dell’aceto il limone. Vi assicuro che è fattibile, ci sono molte famiglie che lo fanno da anni, e i risultati sono più che apprezzabili.

OLI ESSENZIALI: Da usarsi come massaggio, miscelando 40-100 gocce di oli in 100 ml di olio vettore (girasole, mandorle dolci, arnica, sesamo) e ponendolo su tutto il corpo, in particolare sulle zona delle surrenali (sulla schiena, poco più sù della zona della vita) e sulla zona del fegato (davanti, sotto le costole di destra). Oli consigliati: Basilico e Limone e Noce moscata (per stanchezza mentale), Cannella (per chi è senza radicamento), Menta piperita (per chi ha troppa emotività e la digestione pesante), Geranio con Rosmarino e Timo rosso (i più energetici). Attenzione: la Cannella è dermocaustica, usarne al massimo 10 gocce nei 100 ml. Invece il Limone è foto sensibilizzante, non usarlo prima di esporsi al sole.
Gli oli essenziali sono potentissimi per la stanchezza!

FIORI DI BACH. I fiori sono veramente ottimi per autare nella stanchezza, vediamo assieme quali: Olive (stanchezza prostrante a seguito di grande lavoro), HornBeam (stanchezza terribile al mettino, ma poi si sta meglio), Oak (eccessivo senso del dovere), Elm (sensazione di non essere all’altezza del lavoro da svolgere).

VITAMINE ESSENZIALI: sicuramente il gruppo B che concorre alla purificazione del fegato, all’energia e alla rigenerazione della pelle. Aggiungetevi anche la vitamina B1 che amplifica il tutto e la vitamina B5 se siete proprio stressati (ancor di più se avete assunto cortisonici).

OLIGOELEMENTI: Rame-Oro-Argento si rivela molto utile nei casi di stanchezza che si protrae tutto il giorno, a seguito di un periodo molto pesante che non è stato ancora superato. Invece il Manganese è utile in caso di eccessiva attività serale con stanchezza matuttina (tipico dell’adolescenza). Gli oligo si prendono una dose a giorni alterni fino a miglioramento.

FITOTERAPIA: spirulina (alga marina multivitaminica e multiminerale che dona molta energia; una delle migliori è quella del Dr.Marcus), Ginseng (no a chi soffre di cardiopatie), Eleuterococco (no a chi è molto teso), Astragalo, pappa reale, polline. Seguite le istruzioni sulle confezioni. Anche PT Energy della Gheos, due cps al giorno ai pasti.

METAMEDICINA: se la stanchezza è causata da eccessivo lavoro (fisico o mentale) la “cura” migliore è sicuramente il riposo: cercate di ridurre il carico lavorativo, sia sul lavoro che a casa (basta stirare, basta ordine perfetto! Iniziate a godervi un po’ di più il tempo libero!). Il vostro corpo, se non viene ascoltato, può decidere di prendere vacanza mettendosi ammalato; quindi riposatevi e riducete le attività prima che lui sia costretto a prendere risoluzioni estreme!

ALTRE MOTIVAZIONI: talvolta possiamo anche trovarci di fronte ad una dieta sbagliata piuttosto che a un affaticamento eccessivo. Sarebbe un buon consiglio effettuare un test di intolleranze alimentari: ottimi il Vega-test, il DRIA test e il test kinesiologico.
Altri fattori di stanchezza che non se ne và, possono essere problemi alla tiroide, anemia (sono d’aiuto la Spirulina, l’Amaro svedese, ecc.), la presenza di metalli pesanti, una candida intestinale (pancia che si gonfia durante il giorno, problemi di pelle, ecc.), lo stress continuo, una tensione costante muscolare (segnala solitamente una carenza di magnesio), una mononucleosi cronica, un sonno non sufficientemente profondo (provate con la melatonina del dott. Pierpaoli).

Bibliografia:
Il grande dizionario della MetaMedicina – Claudia Rainville – Sperling & Kupfer
Il libro completo dei minerali per la salute – ed. Giunti – J.I. Rodale e collaboratori
Secondo Natura – ed. Longanesi – P. Balch

Precedente Ragù di soia Successivo Carne si o carne no?

8 commenti su “Stanchezza primaverile

  1. jenny il said:

    Buongiorno
    cosa ne pensa degli oligolementi cobalto e manganese?
    potrebbero aiutare anche a dimagrire?
    oltre che essere utili per l’ansia?

    • Salve Jenny. Ne penso benissimo, ma non so se possono risolvere un “problema” così complesso come il dimagrire. Possono esserci veramente mille motivi, in primis l’alimentazione che tutti vorrebbero rimanga invariata. Ma anche la motivazione emotiva (che c’entra sempre), lo stress, l’equilibrio endocrino, la ritenzione idrica (quindi reni e fegato), intestino in disbiosi, metalli pesanti, candida intestinale, il metabolismo, eccetera eccetera eccetera. Per dimagrire è necessario fare un buon lavoro su di sè, e visto che non è facile entrare in sè stessi, dal mio punto di vista è necessario un naturopata assieme ad uno psicologo/counsellor o consulente di Metamedicina. Buon lavoro.

  2. Mirella il said:

    Buongiorno Susanna, Le volevo chiedere in merito alla vitamina B, se ha da consigliare un prodotto in particolare, magari un complesso. La ringrazio anticipatamente. Buon lavoro.

    • Salve Mirella. I migliori complessi B, a mio avviso, sono quello della Naturalpoint con niacina (credo il meno caro, ma attenzione: le prime volte può causare un benefico rossore/calore causa la presenza di niacina, alias B3), quello della Solgar e quello della Nature’s Plus. Sicuramente ce ne saranno degli altri ma al momento uso consigliare questi. Buon tutto.

  3. Mirella il said:

    Grazie per la risposta. Leggendo tra i suoi articoli ho trivato anche un prodotto che potrebbe sostituire un integratore di vit B e che é persino più completo, cioé Stress Formula della Natural Point.
    Buon tutto anche a Lei!

  4. Mirella il said:

    Salve Susanna, sto seguendo la dieta da Lei suggerita con notevoli miglioramenti sul versante della stanchezza e del sonno, che mi opprimeva da tempo. Volevo chiederLe se oltre al malto di riso che uso sporadicamente per preparare dolci con farine integrali e farine alternative, posso usare lo zucchero di canna integrale.. Secondo alcuni é un prodotto naturale. La ringrazio. Cordialmente

  5. E’ bene ricordare che naturale non è sinonimo di sano. Lo zucchero di canna integrale anche se biologico comunque rimane zucchero. Quindi, salvo diversa indicazione medica, ok allo zucchero di canna ma con moderazione. Come per tutto il resto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.