SPECCHI ESSENI E METAMEDICINA

Evento approvato ed autorizzato da Claudia Rainville
SEMINARIO ESPERIENZIALE A TRIESTE
SPECCHI ESSENI E METAMEDICINA

“Star bene con sé stessi e con gli altri”
A cura di Paolo Segulin (Animatore e Consulente di Metamedicina)

TRIESTE
Sabato 29 luglio 2017 dalle ore 9.00 alle 19.00
http://it.metamedecine.com/event/trieste-seminario-specchi-esseni-metamedicina/

BERGAMO
sabato 5 agosto 2017 dalle ore 9.00 alle 19.00
http://it.metamedecine.com/event/bergamo-seminario-specchi-esseni-metamedicina/

Gli Specchi Esseni sono uno strumento di evoluzione e di consapevolezza. Corrispondono ai vari tipi di rapporto che ciascun essere umano sperimentata nel corso della sua vita di relazione. In ogni momento della vita la nostra realtà interiore viene rispecchiata da coloro che ci circondano, mostrandoci il riflesso di ciò che non abbiamo ancora risolto e che si trova in disequilibrio dentro di noi. È molto facile giudicare il prossimo ma, di fatto, ogni volta che lo facciamo, potrebbe essere che perdiamo l’occasione di prendere coscienza di ciò che siamo e di conseguenza l’occasione per migliorare. Gli Esseni o Nazareni erano il popolo da cui discendeva Gesù.

“Gesù aveva un modo di insegnare tutto suo, evitava di fare la morale a chi lo ascoltava, utilizzando la metafora. Usava un approccio femminile per portare chi lo ascoltava a prendere coscienza.…Lasciandolo libero di trarre le sue conclusioni e di avere le sue reazioni. Gesù stava nella capacità di porre le domande giuste, umili e liberatorie ed è ciò che insegnava ai suoi discepoli e che produceva “miracoli” (o almeno quelli che venivano percepiti come miracoli da coloro che non capivano). Per Gesù non esistevano miracoli, c’era semplicemente un risveglio di coscienza che dava luogo a trasformazioni”. Da “la mia vita per la luce” di Claudia Rainville

“Tutto ciò che ammiriamo negli altri è qualcosa che abbiamo anche noi. Perché se non l’avessimo neppure lo vedremmo in loro. Riconoscendolo, potremo gradualmente manifestare anche questo aspetto. Gesù diceva: è più facile vedere la pagliuzza nell’occhio dell’altro che la trave nel proprio. Quando ci mostriamo indulgenti nei confronti di un punto debole che abbiamo osservato nell’altro, è perché abbiamo riconosciuto di avercelo noi stessi, concedendoci di averlo. Tutte le persone che ci sono vicine sono a nostra immagine, che si tratti dei nostri figli, del marito, degli amici, dei colleghi di lavoro, dei pazienti e persino dei vicini di casa: siamo noi ad averle attirate, perché ci assomigliano. Esse agiscono a loro insaputa come uno specchio, come un rivelatore di ciò che siamo. Ciò di cui prendiamo coscienza, lo possiamo trasformare dentro di noi. Quando cambiamo interiormente, anche il mondo intorno a noi cambia”. Da “Cambia la tua vita” di Claudia Rainville

In questo seminario, attraverso esercizi e meditazioni, osserveremo ciò che viviamo da prospettive diverse attraverso il riflesso di coloro che ci circondano. Verranno infine utilizzate le chiavi della Metamedicina per affrontare e sciogliere: credenze, aspettative, dipendenze, paure, mancanze, bisogni, che saranno emerse attraverso gli Specchi Esseni.

Info e prenotazioni: [email protected] – cell.3451597470 – www.metamedecine.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*