PIDOCCHI: un rimedio efficace

Per prima cosa ci tengo a precisare che i pidocchi non scelgono solamente le testoline più sporche o trasandate, ma colpiscono un po’ tutti senza limite di età o di estrazione sociale.
Gli shampoo tradizionali uccidono le lendini ma non le eliminano, in quanto rimangono attaccate ai capelli assieme alle loro uova.


ELIMINARE

Vi propongo tre metodi, uno recente, uno delle nonne e uno geniale, suggeritomi da una mamma in gamba.

Metodo recente:
Usare Aromapar+ assieme a Spray antipidocchi Bio entrambi della Pranarom.
Fare una applicazione al giorno dell’Aromapar+ fino alla scomparsa di pidocchi e lendini, spruzzando a 10 cm dal capello asciutto, ciocca per ciocca e sul cuoio capelluto in quantità sufficiente a ricoprire tutti i capelli in modo che risultino bagnati. Lasciar agire 15 minuti e in seguito lavare i capelli con uno shampoo per uso frequente (Shampoo Vitalità dei capelli Pranarom). Passare il pettine attentamente per ritirare lendini e pidocchi morti. Rifare l’applicazione finché non c’è più nulla e poi un’ultima volta 7 giorni dopo.

Metodo delle nonne:
Frizionate il cuoio capelluto con olio vegetale (di oliva, di girasole o di mandorle per esempio), miscelato con 3-5 gocce di olio essenziale di Tea Tree, avendo cura di imbibire completamente cute e capelli; poi avvolgete la testa con un capellino di carta argentata e mettete un asciugamano o un telo alla base del collo per evitare sgocciolamenti. Mantenere in sede da una a 3 ore, una volta al giorno. Durante il risciacquo, passare i capelli con la classica pettinina in vendita in farmacia. Eseguire il tutto per almeno 3-4 giorni.
Nel caso in cui risulti difficoltoso togliere le lendini e le loro uova con la pettinina, indossare guanti chirurgici e toglierle ad una ad una.

Metodo geniale:
Passare ripetutamente una piastra calda che solitamente si usa per lisciare i capelli, finché non resta alcun picchio vivo. Potete usare questo metodo anche in parallelo ad uno dei due metodi sopra descritti.

PREVENIRE

– Massaggi locali con un cucchiaino di gel di aloe miscelato con una goccia di olio essenziale (o.e.) di Rosmarino miscelato, di Lavanda oppure di Tea Tree.
– Lavare i capelli con lo shampoo a base di o.e. di Tea Tree.
– Frizioni di o.e. di lavanda; ottima in quanto profuma e non pizzica.
– Nell’ultimo risciacquo durante il lavaggio dei capelli, usare aceto di vino ed acqua in parti uguali. L’odore di “insalata” rimane per poco tempo, e i capelli rimangono lucidissimi.

DA SAPERE

A livello emotivo, si prendono i pidocchi nei momenti in cui non si è stati sufficientemente “accarezzati” sulla testa dalla mamma. Posso confermare questa tesi: l’unica volta che i miei piccoli hanno preso i pidocchi, è stato quando preparavamo la casa nuova, ed io ero spessissimo assente e troppo stanca per seguirli.

Se si prendono i pidocchi, ricordarsi di lavare giornalmente le superfici che sono entrate in contatto con la testa dell’ ”infettato”, quali cuscini, lenzuola, divani, poltrone, giacche, cappottini, berretti, ecc.. E’ importate sapere però, che i pidocchi lontani dal loro ambiente naturale muoiono entro breve tempo.

Attenzione al prurito ricorrente: alcuni i bambini non riescono a sopportare il prurito (anche perché troppo piccoli) e spesso si causano con le unghie delle microfratture sul cuoio capelluto. Massaggiateli con due cucchiai di gel di aloe in cui avrete miscelato 1 goccia di olio essenziale di timo o di menta.

EVITARE

In America usano coprire i capelli con abbondante vaselina, si indossa una cuffia da bagno e si dorme tutta la notte. I pidocchi soffocano ma per liberarsi della vaselina ci si deve lavare con detergenti molto aggressivi (sembra che vada per la maggiore il detersivo per i piatti, tanto per fare un’idea), altrimenti la vaselina rimane a soffocare il capello.

Articolo aggiornato in data : 11/09/2019

Precedente Successivo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.