Occhi e computer/smartphone

Una delle caratteristiche dei tempi moderni è l’utilizzo intenso dei computer e degli smartphone, che però hanno un problema: emettono molta luce blu dannosa per la macula degli occhi, fino ad accelerare una seria possibilità di maculopatia.
La caratteristica di questa malattia è quello di produrre una visione “a pezzi “, che progredisce fino alla cecità.
E’ una malattia tipica dell’anziano, ma l’enorme esposizione alla luce del computer, fa prevedere una “epidemia“ nella attuale generazione di giovani.

La situazione poi si aggrava di molto per i fumatori e le persone sovrappeso, oltre che se ci sono precedenti in famiglia.
Inoltre l’eccesso di luce blu verso sera e notte, riduce la qualità del sonno inibendo la secrezione di melatonina, un ormone che tra al’altro protegge appunto dai tumori, come anche la degenerazione dei mitocondri, i produttori di energia di tute le cellule.
A peggiorare la situazione contribuiscono le luci a LED, che contengono un’enorme percentuale di luce blu rispetto alle vecchie lampadine a incandescenza.

Ci si può difendere con alcuni cibi e la luteina, un antiossidante che tra l’altro porta ad un rischio molto più basso di miopia.
Si tratta del maggiore antiossidante del bulbo oculare e ne rallenta la degenerazione.
La sua fonte alimentare è la famiglia dei cavoli, ma in questo caso sono necessarie dosi importanti di 50mg al giorno (o 100mg se ci sono già sintomi), forniti da un integratore che troviamo in erboristeria.

Fondamentale è anche la vitamina E (alpha tocoferolo), che aumenta la sopravvivenza delle cellule della macula troppo esposte alla luce blu.
Ciò è efficace soprattutto nei giovani e di cui sono grande fonte i semi di girasole.
Questi si trovano comunemente nei negozi del biologico e di una specie che nasce già senza guscio; sono poi ricchi di calcio ed altri micro nutrienti fondamentali per la salute generale ed è bene quindi abituarsi ad utilizzarli come uno snack nei momenti di “ piccola fame“.

Uno strumento importante sono invece gli occhiali blu bloccanti da utilizzare davanti allo schermo verso sera, che si trovano facilmente in commercio.

Autore: Walter Pansini

Precedente Probiotici: quando possono aiutare? Successivo Dolcificanti artificiali: tossici per l’intestino (www.msn.com)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.