Gastrite e reflusso: qualche spunto

Vorrei dare, con questo articolo, qualche idea di massima, qualche consiglio per stare meglio, fermo restando che è sempre necessario chiedere il parere del vostro medico curante, in quanto la gastrite non va mai sottovalutata.

ACQUA

Partiamo da un concetto forse per voi nuovo: la mancanza di acqua.
Nel libro “Il tuo corpo implora acqua” l’autore, il medico Fereydoon Batmanghelidj racconta della sua esperienza legata all’aumento di acqua nel corpo umano: al di là delle varie problematiche risolte o notevolmente migliorate con questo metodo (fra cui diabete, ipertensione, sclerosi multipla, depressione, emicrania, asma, bronchite) due in particolare risaltano e cioè l’ulcera e la gastrite.
Non sto a tediarvi con la descrizione fisiologica del perché questo accada (è spiegato esaurientemente nel libro) ma piuttosto vorrei invitarvi a provare questo nuovo approccio.

Provate (non costa nulla) a bere prima di ogni pasto (10-15 minuti prima) due bei bicchieroni di acqua: 2 prima di colazione, 2 prima di pranzo e 2 prima di cena.
Magari iniziate gradualmente: dovete abituarvi, ed anche il vostro corpo si deve ri-abituare.
Una volta raggiunto l’obiettivo dei 6 bicchieri di acqua, aggiungetene altri 2 appena alzati e 2 sparsi nel resto della giornata.
Se siete dei ricercatori, tenente un diario di come vi sentite al momento di iniziare (magari con la lista dei malesseri che avete) perché potreste sorprendervi. E’ necessario continuare almeno per un mese per vedere dei cambiamenti (in realtà basta anche meno, ma in un mese cambiano molte cose).

Infine, quale acqua? Il dott. Batmanghelidj consiglia quella del rubinetto, non è necessario altro.
Se tendete a fare la pipì la notte (che non va bene per vari motivi) cercate di bere l’ultimo bicchiere molto prima di chiudere la luce.

gastrite

FLORA GASTRO-INTESTINALE

Le due “flore” sono comunque collegate: proprio per questo consiglio di fare prima un protocollo di pulizia intestinale completo per poi aggiungervi alla fine Pylorex della Bromatech, 1 cps a pranzo e 1 cps a cena per 6 mesi. In caso di reflusso prendete 1 cps al mattino a digiuno e 1 alla sera prima di dormire.
Come mantenimento 1 cps alla sera. Il prodotto in questione purtroppo costa un po’, ma ne vale la pena.

RIMEDI NATURALI

Un buon rimedio è certamente Gastrophit AVD: antinfiammatorio, emolliente e lenitivo del tratto gastro intestinale. Basta ½ misurino 3 volte al giorno prima dei pasti, puro o diluito con acqua. Può essere utile associarvi Enzylife della Naturalpoint, 1 cps prima di ogni pasto.

Un altro rimedio d’eccellenza è Micotherapy Gastro (2 cps prima di pranzo e 2 prima di cena per 2-3 mesi): lavora sulla gastrite, sull’helycobacter pilori ed esegue anche azione riparatrice e rigenerante grazie all’Hericium, al Mastice di Chios e alla liquirizia deglicirizzata (che quindi non aumenta la pressione arteriosa).

Potete anche prendere i due rimedi assieme.
Esistono ovviamente anche altri rimedi eccellenti, ma ho inserito quelli di cui conosco l’efficacia.

ALIMENTAZIONE

Evitare e ridurre alimenti come latte, latticini, aceto, alcolici (superalcolici, vino, eccetera), tè, caffè, bibite gassate, pomodoro, salsa, peperone, alimenti freddi (bevande ghiacciate, gelati, granite) specialmente a stomaco vuoto, frutta acidula (limoni, mandarini, arance, cedro, ananas, ribes, melograno) e frutta secca (troppo ricca di grassi e proteine), alimenti conservati (sotto sale, sott’olio, affumicati ecc.), spezie in genere (soprattutto pepe, aglio, peperoncino), sottaceti, salamoie, prodotti di pasticceria a base di creme.
Evitare anche i pasti abbondanti o ricchi di grassi, come carne e pesci grassi, formaggi in genere soprattutto quelli fermentati, condimenti ed intingoli vari.

Meglio prendere l’abitudine di iniziare i pasti con della verdura cruda di stagione, a meno che non dia un preciso fastidio.
Ho preso spunto per l’alimentazione anche dall’interessante articolo del sito Mypersonaltrainer che vi consiglio di visionare.

METAMEDICINA

Ogni infiammazione del nostro corpo è legata alla rabbia: provate a chiedervi per cosa o per chi siete arrabbiati così tanto: forse non digerite una persona, o una situazione.
Nel caso del reflusso la situazione è ancora più marcata: la persona o la situazione che crea disagio, proprio non va giù, anzi torna su: e se è presente bruciore, la rabbia è ancora più marcata, tanto che potrebbe essere rivolta contro sé stessi (magari perché non viene fatto nulla di concreto per sbloccare la situazione).

Questa ovviamente è una interpretazione di massima: potete affinarla chiedendovi cosa rappresenta per voi lo stomaco, a cosa serve. Una volta trovata la risposta (ad esempio “Serve per trasformare qualcosa di non mio, in mio”) chiedetevi se quella stessa frase potrebbe essere usata per esprimere una situazione della vostra vita (dall’esempio precedente, la persona potrebbe non voler inquinare il suo corpo con lo sporco del mondo, e quindi non vuole prendere dentro di sé qualcosa di non suo).

Spero di esservi stata utile. Buona vita.

Precedente Successivo

4 commenti su “Gastrite e reflusso: qualche spunto

  1. Jenny il said:

    Buon giorno
    Per gastrite verecondo con conseguente molta aria ed eruttazioni e tensioni allo stomaco sarebbe più opportuno il puro l’ex oppure milonet?

  2. gerry il said:

    sono in accordo con lametamedicina, siè propriocosi, sto vivendo una situazione da anni che non mi vaproprio giu, e ora la situazione è degnerata e l’attesa è snervante. il reflusso è al massimo.
    ho subito mobbing confermato da clinica dle lavoro, (ma non serve a nulla) per 15 anni sul lavoro vessazioni a nonfinire, e dopo un calvario ho perso il posto per fare largo a raccomandati della politica.
    e il reflusso eì terribile… sono vegetariano e questo mi ha salvato, ma sono arrivato a non potere mangiare nulla. i medici mi hannodato omeprazolo ecc.ma mi fa nulla…è proprio la situazione a non andare giu..prendo basen pulver al mattino e acqua prima dei pasti (pasti.. un po di riso e una mela) piano piano meglio ma il pugno alla bocca dello stomaco è ancora presente, cosa posso prendere? grazie infinite bona vita a tutti.

    • Gent.mo Gerry, potrebbe provare del buon magnesio, come il Pineal Tens della Laborest, 1 bustina mattina e 1 sera, assieme all’Emergency dei Bush Flower, 7 gocce mattina e sera. Ci aggiungerei anche Pylorex Bromatech 1 dopo ogni pasto. E poi trovare un consulente di Metamedicina e sciogliere quel pugno che le stà rendendo impossibile una vita felice. Buon cammino.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.