Chiaccherata sul dimagrire

Gioia: “Pronto?”
Marina :“Pronto, ciao Gioia, sono Marina!”
G: “Ciao Marina, come stai?”
M: “Bene grazie! Siccome avevo un attimo di tempo libero e l’altro giorno si parlava di dimagrire naturalmente, ho pensato di continuare la chiacchierata via cavo..”
G: “Hai fatto benissimo! Però, bada bene, non sono un medico e nemmeno un dietologo, quindi posso solo darti dei consigli di massima come naturopata…”
M: “Si, si, lo so, ma aiutano anche quelli, non credi? Dai, dimmi cosa devo fare per iniziare a smaltire un po’ di ciccia.”
G: “La prima domanda che mi viene è ‘Cosa mangi di solito?’ “
M: “Bè…. da quando ti ho conosciuta sto più attenta a quello che mangio, ma non del tutto; ho abolito le merendine e tutti i dolcetti industriali, preferendo quelli fatti in casa oppure i biologici, anche se quelli…”
G: “Si, certo, anche loro talvolta contengono zucchero, grassi vegetali o latte…”
M: “Ecco! Questa del latte non l’ho ancora digerita…”
G: “Consolati! Nemmeno il tuo apparato digerente riesce a farlo; trovami un mammifero che beva ancora latte dopo lo svezzamento… “
M: “Ma … siamo sicuri che faccia male? E il calcio, poi, dove lo vado a pescare?”
G: “Con questa storia che solo il latte fornisce il calcio ci marciano ormai da decenni; spiegami allora come fanno le mucche a produrre tanto latte pieno di calcio se non mangiano che erba? Dovrebbero avere enormi problemi di osteoporosi esatto? E i gorilla? Enormi bestioni con ossature eccezionale che si nutrono solo di verdura e frutta, per non parlare dei giapponesi che non lo usano quasi mai e vivono con livelli di osteoporosi bassissimi!”
M: “E allora?”
G: “ E allora vuol dire che il calcio lo si ottiene anche da altri fonti, come per esempio dal silicio, presente in frutta e verdura bio… ma è un argomento che approfondiremo un’altra volta. Piuttosto, per essere sicura di essere veramente intollerante al latte e ai latticini, ti consiglio vivamente di fare un test kinesiologico da un bravo terapeuta.”
M: “Un … che?”
G: “Un test kinesiologico, che stabilisce attraverso la forza o la debolezza del tuo muscolo, se un alimento ti serve oppure no.. e se un alimento non ti serve, cosa ne fa il tuo organismo?”
M: “Lo elimina?”
G: “Giusto, ma solo se reni e fegato funzionano bene e solo se la quantità di alimenti intolleranti non è molto alta, altrimenti queste sostanze che il nostro sistema non riesce a digerire e a metabolizzare, finiscono come ‘spazzatura’ nel nostro sistema linfatico che le stipa, come può, nelle zone meno pericolose come cosce, fianchi, sottomento, braccia…”
M: “AH! Terribile! Quindi se io sono intollerante al latte e mangio ogni giorno un panino di formaggio o la mozzarella della dieta…”
G: “Esatto, il tuo intestino non sapendo cosa farne, lo manda, se non riesce ad eliminarlo, ad incrementare il tuo girovita o la tua cellulite.. ma lo stesso vale per il pane, se tu ne sei intollerante. Proprio per questo ti consiglio vivamente di fare un controllo alle tue intolleranze alimentari”
M: “Tolti gli alimenti intolleranti, sono a posto?”
G: “La situazione è già migliorata, ma dovresti in seguito fare altre due operazioni: la prima, che sarebbe di drenare e ripulire fegato, reni e sistema linfatico..”
M: “Con che cosa?”
G: “Puoi farti aiutare dal terapeuta al quale ti rivolgi per il test kinesiologico, oppure chiedere ad una buona erborista che ti consigli dei prodotti mirati adatti anche alla stagione; in primavera la linfa di Betulla è uno degli elisir di lunga vita, ma anche l’Ortica e l’Equiseto sono meravigliosi, come il Tarassaco o il Cardo Mariano. Ma non solo… guardati un po’ in giro e chiedi consiglio. La seconda operazione invece, sarebbe nel migliorare la tua qualità di vita: aumentare l’esercizio fisico, bere acqua in quantità e con residuo fisso inferiore ai 50 mg/lt, adeguato riposo, rilassamenti o meditazione, tempo per tè stessa…”
M: “… che è tutto un dire! Fra lavoro, casa e figli….”
G: “Non occorre stravolgersi la vita, ma trovare un po’ di tempo per sé stesse si… del resto sei stata tu a chiedere consigli per perdere peso, ricordi? E proprio a tal proposito ti regalo una frase che amo particolarmente “Chi fa sempre le stesse cose, ottiene sempre le stesse cose”… E con questo ti devo salutare, perché voglio andare a fare una passeggiata con i miei bambini, ti lascio, a presto Marina!”
G: “Ciao Gioia, e grazie, a presto!”

Precedente Successivo

2 commenti su “Chiaccherata sul dimagrire

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.